about
de alchemia
Birrificio indipendente in Saracena

Il percorso del birraio Guido Gagliardi lungo le strade del malto e del luppolo inizia dalla dimensione dell'assaggio, solo una volta approfonditi questi aspetti si dedica alle...prove di produzione. Dopo la tappa imprescindibile nei territori dello homebrewing, il 2015 lo vede debuttare ( al suo fianco il fratello Biagio e l'amico Marco Giangreco ) alla guida del primo birrificio del Parco Nazionale del Pollino.
Sin dagli albori le stelle polari sono l'estrema facilità di beva che contraddistingue tutte le birre e l'utilizzo dei prodotti evocativi del territorio. Al momento le etichette sono ben 14, suddivise tra la linea classica, le stagionali e la cantina brassicola.
De Alchemia è un breve racconto di colori e misture.

L' Uroboros.
“Quando vogliono scrivere il Mondo, pingono un Serpente che divora la sua coda, figurato di varie squame, per le quali figurano le Stelle del Mondo. Certamente questo animale è molto grave per la grandezza, si come la terra, è ancora sdruccioloso, perché è simile all’acqua: e muta ogn’anno insieme con la vecchiezza la pelle. Per la qual cosa il tempo faccendo ogn’ anno mutamento nel mondo, diviene giovane. Ma perché adopra il suo corpo per il cibo, questo significa tutte le cose, le quali per divina providenza son generate nel Mondo, dovere ritornare in quel medesimo".

fasi della produzione

La produzione della birra inizia con la pesatura e macinatura del malto d'orzo , è un’operazione delicata e fondamentale, che richiede in primo luogo un cereale con il giusto grado di friabilità. La macinatura si effettua con mulini a due o più rulli che ne regolano la finezza. L’obiettivo è di salvaguardare il più possibile l’integrità delle glume, le bucce aderenti alla cariosside, e di frantumare la parte bianca e amidacea del chicco.
La finezza della macinazione ha infatti effetti sulla resa finale: più è grossolana più sarà bassa la resa. La seconda fase è detta ammostamento, al malto frantumato viene aggiunta acqua secondo precisi rapporti proporzionali.I tini dell' impianto dispongono di un sistema di riscaldamento, di un agitatore con regolatore di giri e di una sonda termica. Il birraio, modulando le temperature e il loro tempo di permanenza, attiva i diversi enzimi del malto affinché disgreghino l’amido e lo trasformino in zuccheri.

La reazione biochimica produce zuccheri di varia complessità, che determineranno le caratteristiche del prodotto finale: corpo, grado alcolico e consistenza della schiuma.
La fase successiva è la filtrazione, anche quest’operazione richiede appositi tini e consiste nel separare il mosto cioè la frazione liquida del composto saccarificato – dal residuo solido detto trebbie di birra.Il liquido filtrato viene raccolto nella caldaia di bollitura che corrisponde a quella dell'ammostamento.Durante la filtrazione, si esegue anche il lavaggio delle trebbie (sparging), che consente di estrarre ulteriori quantità di zuccheri. Ed eccoci arrivati alla bollitura, il mosto filtrato viene collocato in un’apposita caldaia, per una vivace bollitura che, effettuata a pressione ambientale, dura tra i sessanta e i novanta minuti.

Durante il procedimento, si aggiungono il luppolo o i luppoli nelle quantità previste dalle varie ricette e che, per effetto del calore, innescano la loro azione amaricante. Il riscaldamento provoca la coaugulazione dei polifenoli con le proteine del mosto e la solubilizzazione dei componenti amari.
La fase successiva è detta "whirlpool", Dal mosto caldo (wort) si eliminano i precipitati attraverso un effetto detto appunto whirlpool (mulinello).
Il movimento circolare spinge la parte liquida verso le pareti e quella solida verso il centro. L’efficacia del vortice, indotto da una pompa che collega ad un sistema di tubazioni, dipende dalla velocità d’ingresso del mosto. Al termine della pausa di decantazione, che richiede non meno di venti minuti, e prima di avviare la fermentazione, il mosto deve essere raffreddato. Lo si immette perciò in uno scambiatore di calore che ne abbassa la temperatura.
Il mosto raffreddato viene poi trasferito nei duo tank troncoconici per la fermentazione.
La maturazione avviene a basse temperature e consente alla birra di ottenere limpidezza e di bilanciare, in forma abbastanza stabile, la dolcezza del malto, l’amaro del luppolo, la gradazione alcolica e la gasatura.
Ogni tipo di birra matura in tempi diversi e per alcune tipologie, particolarmente complesse, rifermentate e molto alcoliche, può protrarsi anche per alcuni mesi.

SCOPRI
DE ALCHEMIA
I SUOI COLORI
E SAPORI
visita al birrificio con degustazione

Visita guidata all'interno del birrificio, attraverseremo tutte le fasi della produzione e vi mostreremo le materie prime selezionate per le nostre birre.

Successivamente ci sposteremo nella barricaia, la Cantina di De Alchemia , dove sono in maturazione le nostre birre in botte, la visita si concluderà con una degustazione delle nostre etichette nella sala degustazione adiacente la cantina.